LA COMUNICAZIONE


Amaro del Capo

Torna indietro - SCHEDA ARTICOLO
Venerdì 26 Novembre 2010
2009 - LA GRAPPA DALLA CALABRIA AL FRIULI
La collezione di grappe Frì ‘Spirito Libero’ di Caffo si arricchisce delle nuove referenze Muller Thurgau e Prosecco
Vinitaly 2- 6 aprile - Distilleria Friulia - Pad. 6 - Stand B5
 
Frì, “Spirito Libero”. Prende questo nome la collezione di grappe monovitigno prodotte da distilleria Friulia, stabilimento friulano di Caffo, frutto dell’attento lavoro di esperti mastri distillatori, capaci di ‘liberare’ la parte migliore dello ‘spirito’ di pregiate vinacce. Frì è ottenuta con vinacce di tradizionali vitigni friulani quali Refosco, Pinot Grigio, vitigni internazionali come Cabernet, Chardonnay e Merlot e veneti come Durella e Garganega.
La gamma, già presente sul mercato, si arricchisce ora delle nuove monovitigno di Muller Thurgau e di Prosecco. La prima versione si potrà degustare, oltre che allo stand Distilleria Friulia, anche presso il banco d’assaggio Grappa&C.Tasting allestito dal Centro Studi Assaggiatori (Galleria tra i Padiglioni 10 e 11) insieme ai seguenti vitigni Frì: Chardonnay, Pinot Grigio, Merlot e Cabernet.
I Caffo, mastri distillatori da quattro generazioni, primo ed unico caso al Sud, gestiscono quindi una distilleria anche al nord, in Friuli, una tra le regioni maggiormente specializzate nella produzione della nostra acquavite di bandiera. Distilleria Friulia è perfettamente in linea con la filosofia Caffo.
La volontà di Caffo è infatti interpretare al meglio le materie prime dello specifico territorio valorizzandole e lavorandole nell’area di produzione. “La nostra filosofia - spiega Sebastiano Caffo, titolare del Gruppo – è la stessa da oltre un secolo. Per l’elaborazione di prodotti unici, lavoriamo direttamente ogni ingrediente: dalle erbe officinali che compongono gli infusi per il Vecchio Amaro del Capo, alla vera liquirizia per l’ottenimento di Liquorice, alle migliori vinacce ed alla frutta utilizzata per le acquaviti”.
“Fin dalla sua nascita – spiega Stefano Durbino, responsabile di Distilleria Friulia e mastro distillatore – l’azienda ha un rapporto privilegiato con cantine friulane e venete, per il conferimento di vinacce di alta qualità, che vengono elaborate tramite un’originale tecnica di trasformazione: il metodo fogolar”. Ciò consente di coniugare il meglio del sistema di distillazione continuo con quello discontinuo.
I risultati del lavoro non si sono fatti attendere, come dimostrano diversi riconoscimenti ottenuti da Frì nei più importanti premi internazionali quali: il Concorso Internazionale Acquaviti d’Oro di
Termeno, il Premio Alambicco d’Oro, organizzato da ANAG (Assaggiatori Grappa e Acquavite) al Concorso Nazionale Grappe e l’ISW Internationaler Spirituosen Wettbewerb in Germania.
Grappa Frì, presente nel canale Horeca, è destinata all’intenditore che ama bere bene ma anche all’assaggiatore che si avvicina per la prima volta alla grappa.
Sebbene la Distilleria Caffo abbia investito anche in Friuli Venezia Giulia, rimane molto legata al territorio calabrese. Caffo è stata infatti, già dagli anni ’60, una delle prime aziende produttrici di grappa al Sud, e oggi è impegnata nel progetto “Grappe autoctone calabresi”, relazionandosi con le più importanti cantine vitivinicole del territorio. Con le vinacce del Mantonico prodotte da Cantina Statti, sarà prodotta la prima grappa Lamezia Doc, costituita dal blend di vinacce Malvasia, Mantonico, Gaglioppo e Greco.
La grappa Lamezia Doc nasce grazie ad progetto fortemente voluto dai giovani titolari delle due aziende, Alberto ed Antonio Statti, e Sebastiano Caffo. Una collaborazione che dimostra la volontà delle nuove generazioni, oggi alla guida delle due aziende, di creare sinergie che facciano crescere tutto il territorio regionale.
 
Ufficio Stampa Gheusis Srl - 0422 928954 - info@gheusis.com